Navigazione veloce
Home > Valutazione

Valutazione

Dal POF dell’IC LEONARDO DA VINCI:

LA VALUTAZIONE

La valutazione ha un valore formativo e didattico fondamentale ed è oggetto di riflessione per i docenti. Valutare è un compito strategico e delicato attraverso il quale i docenti dell’Istituto rilevano il raggiungimento degli obiettivi prefissati e gli specifici progressi personali. In particolare, la valutazione non deve essere intesa come il semplice risultato della media aritmetica delle prove sostenute dagli alunni, ma come un processo complesso che, oltre che delle verifiche disciplinari e interdisciplinari, deve tener conto:

  • dei diversi punti di partenza;
  • dei progressi conseguiti;
  • dei diversi stili cognitivi;
  • dei potenziali;
  • delle attitudini ed interessi;
  • della motivazione;
  • delle condizioni  ambientali, fisiche ed emotive;
  • dell’efficacia dell’azione formativa;
  • delle diagnosi  di D.S.A.
  • delle certificazioni di disabilità;
  • della cittadinanza/lingua-madre.

La valutazione, comunicata alle famiglie e condivisa con l’alunno, diviene così uno strumento che gli permette di diventare protagonista del proprio percorso di apprendimento.

La  valutazione  è  periodica  ed  annuale;  ne  è  responsabile  il  Consiglio  di  Classe, per la scuola Secondaria e il team dei docenti di classe, per la scuola Primaria che, seguendo  il  percorso  del singolo  studente,  ha la possibilità  di  attivare  iniziative  di  recupero  e  sostegno,  di  consolidamento  e potenziamento,  sulla  base  di  un  esplicito  contratto  formativo,  condiviso  dall’allievo  e  dai  suoi  genitori. La  valutazione  ha  per  oggetto  il  processo  di  apprendimento,  che  considera  il  rendimento scolastico  complessivo  degli  alunni e il  comportamento.  La  valutazione  concorre,  attraverso  l’individuazione  delle  potenzialità  e  delle carenze  di  ciascun  alunno,  ai  processi  di  autovalutazione  degli  alunni  medesimi,  al  miglioramento  dei  livelli  di conoscenza  e  al  successo  formativo.

(Regolamento  per  la  valutazione  degli  studenti  ‐DPR  22  giugno  2009,  n.  122  art.  1  co.3). 

La valutazione avviene con voto numerico espresso in decimi. La valutazione dell’IRC e delle Attività alternative avviene con giudizio sintetico.

Per la corrispondenza voti numerici/giudizi si vedano le griglie che seguono con l’esplicitazione degli indicatori di valutazione. Gli alunni con cittadinanza non italiana sono valutati nelle forma e nei modi previsti per i cittadini italiani. Gli alunni con PEI e PDP sono valutati sulla base degli obiettivi comportamentali e disciplinari e delle attività previsti nel loro percorso individualizzato e esplicitati nel PEI o nel PDP.

APPRENDIMENTI DELLE DISCIPLINE NELLA SCUOLA PRIMARIA

APPRENDIMENTO DELLE DISCIPLINE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

 

Valutazione  del  comportamento

Si considera  il  comportamento  degli  alunni  e ci si  propone  di  favorire  l’acquisizione  di  una  coscienza  civile  basata sulla  consapevolezza  che  la  libertà  personale  si  realizza  nell’adempimento  dei  propri  doveri,  nella  conoscenza  e nell’esercizio  dei  propri  diritti,  nel  rispetto  dei  diritti  altrui  e  delle  regole  che  governano  la  convivenza  civile  in generale  e  la  vita  scolastica  in  particolare.  La valutazione del comportamento nella scuola primaria è espressa dai docenti contitolari della classe attraverso un giudizio formulato secondo le modalità deliberate dal Collegio dei docenti; nella scuola secondaria con voto numerico in decimi espresso collegialmente e illustrato con specifica nota. (Regolamento  per  la  valutazione  degli  studenti  DPR  22  giugno  2009,  n.  122  art. 2).

 DESCRITTORI DEL COMPORTAMENTO

Valutazione  delle  competenze

Sulla  base  dei  traguardi  fissati  a  livello  nazionale,  la  certificazione  delle  competenze    giunge  a  seguito  di  una regolare  attività  di  osservazione,  documentazione  e  valutazione  delle  competenze  previste    nel  profilo  dello studente  alla  fine  del  primo  ciclo.  Particolare  attenzione  sarà  data  a  come  ciascun  studente  mobilita  e  organizza le  proprie  risorse  –  conoscenze  e  abilità  ,  atteggiamenti  ed  emozioni  ‐  per  affrontare  e  risolvere  efficacemente  le situazioni  che  la  realtà  propone  quotidianamente  in  relazione  alle  proprie  potenzialità  ed  attitudini.  Le competenze  sviluppate  nell’ambito  delle  singole  discipline  concorrono  a  loro  volta  allo  sviluppo  di  competenze più  ampie  e  trasversali.

Al  termine  della scuola primaria e secondaria   verrà  rilasciata  la  certificazione  delle competenze  raggiunte,  definita  per  competenze‐chiave  trasversali  che   avrà  lo  scopo  di accompagnare  l’alunno  nel  successivo  percorso  scolastico.

Delibera del Collegio dei docenti del 12.3.2015

 

Il Collegio docenti unitario dell’IC Da Vinci

VISTO il Decr Legisl 297/94

VISTO la L. 169/08

VISTA la circolare ministeriale 3/2015

VALUTATA la proposta di sperimentazione della certificazione delle competenze per la scuola primaria e secondaria di primo grado

VALUTATO positivamente il carattere unitario dei due documenti e il riferimento alle NI sia per quanto riguarda il profilo in uscita sia per quanto riguarda i traguardi

VERIFICATA la congruenza con la programmazione del curricolo verticale d’Istituto che stanno predisponendo i Dipartimenti

CONSIDERATA l’adesione della scuola alla rete per le NI e alla Rete per l’Orientamento che possono accompagnare con risorse comuni la formazione e la messa a punto di strumenti didattici

delibera l’adozione sperimentale dei modelli di certificazione per tutte le classi quinte primaria e terze medie

si impegna ad accompagnare la sperimentazione nell’ambito delle iniziative della Rete per le NI con azioni di formazione e a proseguire la riflessione all’interno dei dipartimenti sul curricolo d’istituto in coerenza con le competenze europee e il profilo in uscita dello studente nel corso di quest’anno scolastico

si impegna a rielaborare o mettere a punto strumenti didattici per lo sviluppo e la verifica delle competenze nei successivi anni scolastici della sperimentazione anche all’interno delle azione della Rete per l’Orientamento

dà mandato al DS di effettuare la comunicazione alle famiglie

 

SCHEDA PRIMARIA certificazione competenze 2-11-14

SCHEDA PRIMO CICLO certificazione competenze 2-11-14

 

Nella scuola secondaria sono ammessi alla classe successiva ovvero all’esame di stato gli studenti che hanno ottenuto, con decisione assunta a maggioranza del Consiglio di classe, un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina.  L’omogeneità,  l’equità  e  la  trasparenza  della  valutazione  sono  assicurate,  nel  rispetto  della  libertà  di insegnamento  di  ogni  docente,  dalle  delibere  assunte  in  materia  dal  collegio  dei  docenti,  che  fanno  parte integrante  di  questo  POF.

Si pubblica la delibera del Collegio docenti della scuola secondaria sulle deroghe all’obbligo di presenza.

ASSENZE E VALIDITA ANNO SCOLASTICO
Titolo: ASSENZE E VALIDITA ANNO SCOLASTICO (0 click)
Etichetta:
Filename: assenze-e-validita-anno-scolastico.pdf
Dimensione: 408 kB

 

Esame di Stato

Si pubblica la delibera del Collegio docenti della secondaria con le proposte sui criteri di conduzione dell’esame conclusivo del primo ciclo. La definizione dei criteri è di competenza della Commissione d’esame.

delibera esami 2017

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL COLLEGIO GRIGLIA LS